Questo sito non è affiliato a enti governativi e non è il box office ufficiale. Il prezzo del biglietto supera il valore nominale. Il nostro sito web non è affiliato a nessun ente pubblico e non è l’ufficio di vendita ufficiale. I prezzi superano il valore nominale.

Storia della Sagrada Família

La Basilica della Sagrada Família, nota anche come Sagrada Família o Cattedrale di Gaudí, è una monumentale basilica minore cattolica incompiuta situata a Barcellona, in Spagna. Scoprite l’ispirazione e il progetto originale dell’edificio. Si tratta di un progetto iniziato nel 1882 e tuttora in costruzione.

Inizi sontuosi

Nel 1872, Josep Maria Bocabella i Verdaguer tornò in Spagna dopo una visita in Vaticano. Questa visita lo lasciò ispirato, con il desiderio di costruire un luogo di importanza religiosa. Nella sua testa, aveva trovato l’ispirazione nella basilica di Loreto. Josep fondò l’Associazione Spirituale dei Devoti di San Giuseppe, sotto la quale iniziò a battersi per la costruzione di un tempio dedicato alla Sacra Famiglia.

La cripta della chiesa fu iniziata nel 1882, su progetto di Francisco de Paula del Villar. In origine, Francisco aveva progettato di costruire un luogo di culto neogotico, molto diverso dalla Sagrada Família che si può ammirare oggi.

Sagrada Familia Beginnings
sagrada familia history

Cattedrale di Gaudí

La Sagrada Família non era destinata a essere una cattedrale, ma fin dall’inizio è stata progettata per essere una chiesa di dimensioni cattedrali. I progetti originali presentavano chiare somiglianze con le precedenti cattedrali spagnole, come la Cattedrale di Burgos, la Cattedrale di León e la Cattedrale di Siviglia. La Sagrada Família ha diversi aspetti costruttivi in comune con le cattedrali gotiche catalane ed europee, come la grande complessità delle parti. Tuttavia, non è di fatto una cattedrale, in quanto non ha la cattedra – che in latino significa “sede” – di un vescovo, e quindi funziona come chiesa centrale di una diocesi, di una conferenza o di un episcopato. La Sagrada Família è nota anche come la Cattedrale di Gaudí, perché quando prese in mano il progetto nel 1883 lo trasformò con il suo stile architettonico e ingegneristico, combinando il gotico e le linee curve dell’Art Nouveau. Dedicò il resto della sua vita al progetto e lo immaginò come “una cattedrale per i poveri”. Papa Benedetto XVI nella prima Messa alla Sagrada Família ha ripetuto quanto segue: “Una chiesa [is] l’unica cosa degna di rappresentare l’anima delle persone, perché la religione è la realtà più elevata dell’uomo”, in occasione della sua dedicazione il 7 novembre 2010.

Basilica della Sagrada Família

La costruzione della Sagrada Família iniziò il 19 marzo 1882, sotto la guida dell’architetto Francisco de Paula del Villar. L’ispirazione per un edificio di questa portata è stata data da un libraio, Josep Maria Bocabella, fondatore dell’Associazione Spirituale dei Devoti di San Giuseppe 10 anni prima dell’inizio della costruzione. Dopo una visita in Vaticano nel 1872, Bocabella tornò a Barcellona con l’intenzione di costruire una chiesa ispirata alla basilica di Loreto. L’architetto Francisco del Villar aveva progettato una chiesa in stile gotico di forma standard, e sotto la sua guida fu completata solo la cripta absidale della chiesa. Tuttavia, a causa di divergenze creative con il team, Francisco del Villar si dimise dalla carica di architetto principale un anno dopo e Antoni Gaudí si assunse la responsabilità del progetto, che trasformò radicalmente rispetto allo schizzo originale. Gaudí fu nominato architetto direttore solo nel 1884.
construction history of the sagrada familia

In riferimento al tema del periodo di costruzione notevolmente prolungato, si dice che Guadí abbia osservato: “Il mio cliente non ha fretta”, riferendosi al suo cliente come a Dio. La Sagrada Família è il monumento più iconico di Barcellona, in Spagna, e non ha una sola linea retta perché secondo Gaudí non esistono in natura e il tempio riflette la Natura, la Vita e la Morte e non dovrebbe averle. Fin dall’inizio la costruzione si è affidata esclusivamente a donazioni private, i progressi sono stati lenti e la costruzione è stata interrotta dalla guerra civile spagnola. Nel luglio del 1936, i rivoluzionari entrarono nell’edificio e incendiarono la cripta, irrompendo nel laboratorio e bruciando gran parte dei progetti e dei modelli di Gaudí. Tuttavia, alcune delle istruzioni e dei piani rimasero intatti e la costruzione continuò, con nuovi architetti come Francesc Quintana, Isidre Puig e Luis Bonet. Hanno fatto del loro meglio per rimanere fedeli alla visione di Gaudí e hanno anche portato il proprio stile in accordo con la visione di Gaudí di ogni generazione per partecipare alla costruzione.

Views of the interior of the Sagrada Familia

Sagrada Família Arquitechts

Fin dall’inizio la Sagrada Família ha subito cambiamenti nel design, nella direzione e persino nei materiali utilizzati per la costruzione. L’architetto originario era Francisco del Villar, incaricato di progettare e dirigere l’iconico edificio, ma a causa di divergenze creative con il team si dimise e fu allora che Antoni Gaudí prese in mano il progetto e cambiò radicalmente i piani. Gaudí dedicò il resto della sua vita a lavorare alla Sagrada Família fino alla sua morte, avvenuta nel 1926, che fu completata per il 15-25%. Dopo la morte di Gaudí, la costruzione continuò sotto la direzione di Domènec Sugrañes i Gras fino a quando i lavori furono interrotti dalla guerra civile spagnola nel 1936, quando vennero bruciate in un incendio alcune parti della basilica incompiuta e vennero distrutti anche i modelli e il laboratorio di Gaudí. Dal 1940 gli architetti Francesc Quintana, Isidre Puig Boada, Lluís Bonet i Garí e Francesc Cardoner hanno continuato il lavoro basandosi su versioni ricostruite dei progetti originali e su adattamenti moderni di ogni generazione. Carles Buigas ha progettato l’illuminazione. L’attuale direttore – e figlio di Lluís Bonet – Jordi Bonet i Armengol, ha introdotto nel progetto la tecnologia informatica nella progettazione e nella costruzione fin dagli anni Ottanta. Dalla Nuova Zelanda c’è Mark Burry che lavora come architetto esecutivo e ricercatore. Le sculture di J. Busquets, Etsuro Sotoo e Josep Subirachs decorano le imponenti facciate. Oggi il progetto è completo al 70% circa e si prevede che sarà completato entro il 2026.

Sagrada Família: Patrimonio Unesco

Insieme ad altri sei edifici progettati da Gaudí a Barcellona, la Cripta e la Facciata della Natività della Sagrada Família è Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 2005 e, con quasi 3 milioni di visitatori all’anno, è il monumento più visitato in Spagna, superando siti come l’Alhambra di Granada e il Museo del Prado di Madrid.

close-up of the frontal door of sagrada familia